Lettere e pensieri agli alunni delle classi 5°

Matteo 3a B 

Gazzaniga, 12-1-2011

Caro alunno di quinta elementare,

sono un ragazzo di terza media, frequento alla scuola secondaria di primo grado di Gazzaniga.

Ti scrivo perchè tre anni fa ero nella tua stessa situazione, quindi vorrei raccontarti la mia esperienza.

Immagino che sarai impaziente di iniziare questa nuova avventura scolastica, ma allo stesso tempo un po' triste perchè cambierai professori e compagni, ambiente e abitudini.

Ricordo che i miei amici, quelli più grandi di me, mi dicevano: "Vedrai, saranno i tre anni più belli del tuo vissuto scolastico, nonostante le difficoltà che incontrerai".

Avevano ragione, le emozioni che si vivono in cinque anni di elementari, specialmente in quarta e quinta, qui sono raddoppiate e racchiuse in tre anni. Si è più maturi, più consapevoli e più preparati ad essere indipendenti.

Ricordo che già al primo giorno fra questi banchi mi ero reso conto di questo punto chiave delle scuole medie: l'indipendenza.

Infatti nei tre anni di scuola media si acquisisce questa capacità di organizzarsi da soli quasi senza rendersene conto.

Si comincia con il dare del lei ai professori e ti consiglio di abituarti subito a farlo, dopo i primi giorni ti verrà automatico.

I compiti sono di più, molti di più.

Io ho fatto spesso l'errore di sottovalutarli e ho pagato restando ogni volta sveglio fino a tardi per finirli. Per questo l'altra abitudine necessaria per proseguire senza troppe difficoltà è cominciare a studiare appena torni a casa e trovare del tempo anche per svolgere parte dei compiti che ti hanno assegnato per i giorni successivi.

Se riesci ad organizzarti in questo modo puoi anche seguire i due pomeriggi di attività, molto interessanti ed utili, ti consiglio solo di non scegliere troppe attività, specialmente il primo anno, rischi di dover cancellare in seguito alcune iscrizioni, le attività sono una grossa fetta di tempo.

Le materie sono il doppio rispetto alle elementari, quindi è bene preparare la cartella il pomeriggio o la sera e non la mattina in fretta e furia rischiando di dimenticare qualche libro, la tabella degli orari di lezione ti sarà molto utile per organizzarti in questo senso.

Un altro piccolo consiglio è di non farsi ingannare dall'intervallo. Nei cinque anni che hai passato è sempre stato lungo, hai sempre avuto tempo per mangiare la merenda e giocare con gli amici in tutta tranquillità; alle medie invece avrai dieci minuti di orologio per andare ai servizi, mangiare la merenda e salutare qualche amico delle altre classi.

Può sembrare sufficiente ma in realtà il tempo vola. Del resto volano anche le ore di lezione, è sempre bene portare un orologio: ti aiuta ad organizzarti soprattutto nelle verifiche che saranno sempre più frequenti, come del resto le interrogazioni orali, alle quali non sarai molto abituato visto che sono rare nelle elementari.

Non ti spaventare per queste ultime due osservazioni, sia nell'uno che nell'altro caso l'importante è aver fatto i compiti e aver studiato, non sono difficili come si pensa all'inizio.

C'è infine il rispetto, punto fondamentale non solo nella scuola ma anche nella vita, ma sono certo che già alle elementari e in famiglia sei stato orientato all'educazione e al rispetto verso tutti.

Spero di essere stato utile, se hai qualche dubbio o qualche curiosità sono sempre disponibile, buona scuola!

Con affetto,

Matteo


 

Alessia 3b. tema, produzione scritta.

Quando arriverai alle scuole medie, all’inizio ti sembrerà difficile, ma dopo qualche mese ti sarà tutto più “familiare”, il modo di studiare, i (non pochi) compiti, le regole in classe e nella scuola.

Riguardo ai pomeriggi, io ho scelto di fare il tempo prolungato, perché nella scelta ho trovato delle attività che mi interessavano, per esempio manipolazione e giochi presportivi. In questo caso devi consultare il foglio che ti consegneranno a scuola e vedere se c’è qualche attività che ti interessa; inoltre la scuola offre un servizio mensa che, nella mia situazione è stato molto utile, non sarei riuscita ad andare a casa e poi a ritornare a scuola in tempo, perché di solito mangiamo tardi.

Ora che ti ho parlato delle scuole medie, ecco i miei più sinceri consigli:

-         studia con costanza e coerenza,

-         svolgi sempre tutti i compiti e ricordati di portarli a scuola,

-         porta sempre tutti i libri e le verifiche in tempo,

-         sii ordinata ed organizzata,

-         prendi gli appunti,

-         dormi almeno otto ore, altrimenti la mattina non sarai molto “presente” in classe,

-         aiuta i tuoi compagni, se ne hanno bisogno e…

divertiti più che mai, perché questi saranno i tre anni scolastici più belli della tua vita!

 

 

Medenekia   3 b

 

Per quanto riguarda l’indecisione dei tuoi genitori sull’iscriverti oppure no al tempo prolungato ( cioè con due pomeriggi) o al tempo normale ( cioè solo al mattino), ti  dico che anche i miei genitori erano indecisi. Prima hanno chiesto a me, quale alternativa mi sarebbe piaciuta fare e poi abbiamo scelto insieme. Io ho scelto il tempo prolungato perché c’erano, ma ci sono ancora, delle attività molto interessanti; in questa attività come i giochi pre sportivi; che si svolge in palestra si fanno molti giochi ad esempio tutti contro, palla rilanciata e molti altri che adesso non mi vengono in mente. Poi li c’è la pittura su vetro;  da casa, porti un oggetto in vetro e tu puoi decorarlo con vari soggetti,. Quelli che più piacciono a te; inoltre molto interessante è il cineforum , in cui si guarda un film e dopo insieme alla professoressa devi essere capace di parlare esprimendo un tuo giudizio se il fil ti è piaciuto oppure no. Di solito i film che si guardano sono collegati agli argomenti di storia e di geografia che si studiano in quell’anno e sono molto interessanti,di tutti i generi: avventura, cartoni animati, i film tratti da storie vere, ecc….

 

 

La scuola media                                                                              25/02/2011

Caro alunno di quinta elementare,                                                                                                                                                                            mi ricordo che i primi giorni di scuola sono stati faticosi anche per me perché ero felice di entrare in un nuovo ambiente scolastico, ma anche infelice di lasciare quello vecchio, alcuni dei miei compagni e soprattutto le maestre che per cinque anni mi avevano insegnato molto.  Ma vedrai che tutto andrà per il meglio, in poco tempo ti abituerai ad avere nuovi compagni e nuovi professori, tutto ti sembrerà come alle elementari, quindi termino con l’augurio di una buona scuola media.                                                                 Ciao.   

Sara.

 


Qui a scuola non ci sarete solo voi, ma anche le seconde e le terze. Se qualcuno fa il prepotente con te o con un tuo amico, tu magari pensi che sia meglio fare quello che dice e startene zitta. Al contrario devi parlarne con i tuoi professori e i tuoi genitori in questo modo si risolverà tutto. Se hai qualche problema con lo studio o non hai ben capito un argomento, non aspettare di prendere un brutto voto!!Chiedi spiegazioni al tuo professore e fatti aiutare subito da qualcuno. Il primo anno di medie è molto più difficile della scuola elementare; io ti consiglio ( come i professori hanno consigliato a me) di fare almeno tre ore di studio tra compiti scritti e studio orale. Consiglio molto importante: se prendi un brutto voto, non buttarti giù per un singolo insuccesso; continua a studiare e fatti interrogare, così recuperi. Se invece gli insuccessi diventano troppi fai un programma di studio: prendi nota delle materie che devi studiare e ipotizza il tempo che impieghi per ogni materia. Se il tempo non ti basta togli televisione e videogiochi per quella giornata; giocherai un altro giorno quando hai meno impegni. Fai una pausa ogni tanto, una bella  merenda e fai una corsetta, così il tuo cervello non si stanca troppo.  Ciao e in bocca al lupo.    

 

                                                                      Silvia  

 

La lettera       

Certo il cambiamento è enorme, la scuola media è più complicata della scuola elementare, ma è anche divertente e impari molte cose.

Ci saranno molte verifiche e tu sarai agitato in tutte quante, ma ricordati che devi studiare e credere in te stesso.

Ciao

Andrea

 

La scuola media.

Caro alunno

Adesso alle medie si deve scegliere se fare il tempo normale(solo mattina) o fare il tempo prolungato ( con due pomeriggi), scegliendo delle attività da fare nei due quadrimestri.                                              Le attività sono tante

  • Fotografia digitale
  • Giochi  pre  sportivi
  • E se si è in difficoltà si può andare ai corsi di recupero
  • Tastiere
  • Infine musica al computer

Ti consiglio di fare il tempo prolungato perche è molto divertente.

Adesso devo consegnare il compito, ti auguro un sincero bocca al lupo.

Vedrai che le medie ti piaceranno.

A me non piace molto andare a scuola, però alle medie  ci vado volentieri e, se non fossero per le verifiche  ci andrei volentieri al 100%  CIAO CIAO non aver paura Baci Baci…………..CIAO

Manuel

 

[...] Le attività opzionali sono fantastiche, ti diverti tantissimo con i tuoi amici, oltre ad imparare cose nuove. Ci sono dei laboratori scientifici, artistici, quelli di musica, di tecnologia...sono tanti.

Devi pensare se riuscirai ad organizzarti, perché comunque è una responsabilità in più.

Dovrai, nei momenti liberi, portarti avanti con lo studio e i compiti e di conseguenza il tuo tempo libero diminuisce ancora. Se ci riuscirai, sarò contenta per te, altrimenti pazienza.

Comunque un pomeriggio ogni tanto, non ha fatto male a nessuno [...]

 

                                                                                                          Sandra 3°B

 

lettera a un alunno di 5* elementare

Il cambio della scuola è sempre difficile per i primi tempi,bisogna solo avere pazienza e costanza nel fare le cose.

Io posso solamente dirti che non devi avere una paura esagerata di questa scuola,perché al contrario è molto bella ,sia per gli ambienti ,sia per le persone che ci sono.

Il suggerimento che ti posso dare è quello di prendere le cose così come vengono,studiare sempre e fare i compiti.

Se posso dare un consiglio ai tuoi genitori al problema maggiore non sono due pomeriggi,ma l’inizio dell’ambientazione. Aiutate  vostro figlio nell’ambientarsi,il problema dei pomeriggi viene dopo;anzi se ne frequenta alcuni,lo aiutano a conoscere professori e scuola.  

 

                                                                                               Chiara

 

  Lettera a un alunno di quinta elementare   

                                                                                                                                    Gazzaniga, 26 febbraio 2011

                    Cari alunni di 5° elementare,

  Vorrei parlarti di un “viaggio” che stai per intraprendere: le scuole medie. Ogni anno c’è qualcuno    che inizia le medie con timore o con curiosità e penso che anche tu , dato che tocca a te, abbia bisogno di qualche suggerimento.

   Prima di tutto ricorda che le medie ti piaceranno moltissimo: avrai nuovi e tanti professori ( non più maestri) a cui devi “dar del lei”; avrai materie in più : come tecnologia, francese, letteratura e storia dell’ arte; ma non preoccuparti perché dopo cinque anni con le stesse materie aggiungerne un po’ sarà un bel cambiamento!

   Nelle medie  ci sono molte aule in più: il laboratorio di scienze, l’ aula di musica e di arte oltre ad una palestra grandissima ben attrezzata .

   Nelle medie le materie saranno più approfondite e, ti divertirai a scoprire nuove storie,culture …

    Miriam                                    

 

Lettera a un alunno di quinta elementare

 

Alla scuola media non si impara solo stando in classe, ma si guardano anche documentari e film, si fanno uscite nella provincia di Bergamo e non solo, una volta all’anno viene la bibliotecaria per darci sempre più informazioni sulla biblioteca e verso marzo o aprile si fa la gita scolastica.

Si fanno anche delle attività sportive all’aperto che sono molto divertenti.

La scuola media ti aiuta a crescere ed a trovare la strada giusta per il tuo futuro, anche se qualche volta ci sono molti compiti e preferirei tornare alla scuola elementare.

Ciao         Silvia

 

 

Lettera a un bambino di 5°

 

Sabato, 26 febbraio

Cara alunna di 5° elementare,

quando avevo anche io la tua età, avevo paura delle medie. Ero terrorizzata all’idea di cambiare compagni e di avere nuovi professori, perché ero sicura che questi ultimi fossero severi e antipatici.

Qualche giorno prima di andare alle scuole medie continuavo a riempire mio fratello di domande, cosa potevo farci, avevo paura; credo che tu ti starai comportando allo stesso modo. Non ti preoccupare ti capisco!!!

Passati i primi giorni i pensieri negativi sulla scuola e sui professori svaniranno, anche se i professori sono un po’ severi.

Ti posso assicurare che qui alle medie ti troverai, almeno per me è stato così.

CRISTINA 3B°

 

L’aspetto positivo delle medie è che si è più liberi di decidere la propria personalità.

Alle elementari si chiede sempre alle maestre: “dobbiamo usare la penna rossa o blu?, “quanto spazio bisogna lasciare tra frase e l’altra?; questo alle medie non succede.

Il problema a cui secondo me pensano tutti sono i compiti.

I compiti sono leggermente di più di quelli delle elementari ma non sono tanti.

I compiti dipendono anche dei professori, alcuni danno il giusto, altri tanti e altri ancora niente.

Alle medie bisogna sapersi organizzare, un ragazzo può fare tranquillamente i pomeriggi e attività extrascolastiche. Alcune volte sono molto più bravi i ragazzi che hanno mille impegni, ma che sanno organizzarsi, piuttosto di quelli che non fanno niente e vanno male.

Simone

 

 

Anche per me è stato difficile intraprendere un nuovo percorso di studi, ma è normale, bisogna solo farci l’abitudine e capire come ci si deve comportare: ci sono momenti in cui ridere è lecito ed altri in cui bisogna lavorare con particolare attenzione.

Io spero che tu abbia capito che bisogna essere seri e dimostrare un atteggiamento maturo. Per aiutarti non posso far altro che darti alcuni buoni consigli: sii costante nello studio e nei compiti scritti, così ti verrà tutto più facile ed avrai una migliore preparazione; durante le lezioni stai molto attenta, perché parte dello studio si percepisce in classe e, soprattutto, vivi quest’esperienza senza ansie e senza paure!

 

                                                                 Giorgia

 

Merieme  3°B

Lettera a un alunno di 5° elementare                              26- 02- 2011

 

Nella scuola media devi studiare molto, avere un buon rapporto con i compagni, con i professori e le professoresse.

Devi fare sempre i compiti, portare sempre il materiale, portare gli avvisi firmati e le verifiche firmate. Non devi chiacchierare molto; alzare la mano prima di parlare, stare attento alla spiegazione; quando non hai capito alza la mano e chiedi  spiegazione; inoltre rispettare i compagni, professori, bidelli ecc.

 

 

A

Ai ragazzi di 5°elementare:

Voglio raccontare il primo giorno di scuola quando tutti noi ragazzi,con i nostri genitori, ci siamo riuniti nell’aula video,dove i professori hanno estratto le classi:chi era nella A aveva come professoresse Corna e Massieri mentre chi era nella B aveva Crespino e De Rosa. Io sono capitata nella B (per fortuna perché era quello che volevo) una classe composta da 25 alunni: GIORGIA, NICOLA, PAOLO, ALESSIA MARCO,MAICOL, WISSAL, MATTEO, MEDENEKIA, SANDRA, IO, SILVIA P., MANUEL,CHIARA,YLENIA, SARA, MIRIAM, CRISTINA, DAMIANO,MATTIA,SILVIA M., SERENA, SIMONE,ZAHRA E MERIEME.

Come classe a me piace molto!

Valentina .